Inediti : da “Still life” – Adriano Padua

Carteggi Letterari - critica e dintorni

 

1.2

nell’avversione fredda dell’inverno
con troppo vuoto interno da riempire
ogni segno di noi viene a svanirsi
comparse in una rappresentazione
tutto procede come da copione
queste parole sono una prigione
il lato oscuro della libertà
vana sacrale gioia di silenzio
taciuto in una lingua ombrosa e ruvida
immobile e porosa pietra aspra

i giorni bruceranno come strade
di terre conquistate nel sospendersi
del nostro tempo sospirato e perso
cerchio chiuso che gira senza verso

2.2

Il buio è l’abitudine di perdersi, visione non emersa, accumulando vuoti progressivi,
anonime e astigmatiche spirali, reali che collassano se stesse, nel torcersi concentriche.
I suoni sullo sfondo sono vortici, sfregiati dalle raffiche di luce, compongono la notte come è fatta,
nel suo regno vacante, disegno senza genesi, alieno novilunio, in nebulosa nemesi,
precipitato verso il proprio nucleo, per crolli verticali in un cratere enorme, in cui ogni voce affonda,
e si deforma…

View original post 249 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...