Before the flood, 10

La dimora del tempo sospeso

Immagine di Michele Guyot Bourg

James Harpur

    Il tuffatore di Paestum

    Dipingi questo sarcofago di pietra
    Con scene del mio convito funebre.
    Raduna i miei compagni d’un tempo
    E ponili sopra letti morbidi.

    Fa’ che il vino sciolga loro la lingua
    Carezza le carni dei loro efebi
    Succhia a baci dai flauti melodie
    Trai armonie pizzicando le lire.

    Tutto mi son lasciato dietro.
    Scorie di vino mi impastano la lingua
    La musica fa stridere il silenzio
    E pelle sulla pelle mi disgusta.

    Dipingi tinte ricche e veritiere
    Fa’ che la sensualità colori
    Questo sepolcro gelido ed ascetico –
    Ad eccezione dell’interno del coperchio:

    Qui fai vedere l’oceano sconfinato
    Uno o due alberi con rami come felci
    La sagoma di un trampolino;
    Che tutto sia essenziale e delicato.

    E raffigurami senza veste alcuna
    Un’anima nuda in volo e rilucente
    Che attraverso la mia vita sensibile
    Si tuffa nelle acque dell’oblio.

Traduzione di Francesca Diano

(continua a…

View original post 2 altre parole