Carteggio XXVI – L’Io cantore e narrante dagli aedi ai poeti domenicali – di Giulio Maffii

Carteggi Letterari - critica e dintorni

di Giulio Maffii

L’Io cantore e narrante dagli aedi ai poeti domenicali : orazion picciola sulla parabola dell’epos. 

Non è strano né particolare parlare di “narrazione” in poesia. Miti e luoghi comuni popolano la visione d’insieme che circonda ciò che di più magico e misterioso accompagna l’uomo da millenni. Non possiamo dire cosa sia realmente la poesia, possiamo provare a dire cosa “non” è, liberarla dai pensieri banali e banalizzanti, provare a delineare una corretta prospettiva di interpretazione.
La poesia è in declino, i poeti inutili, un assunto che si rafforza quotidianamente.
Il sistema scolastico ha contribuito ad una cattiva conoscenza e al disfacimento della tradizione poetica. Programmi obsoleti basati sulla cronologia poetica e non sulla periodizzazione. “Fare poesia” è l’insieme di tutti i poeti che si trovano nello stesso momento attorno ad un tavolo e “producono” qualcosa. Da un punto di vista antropologico possiamo pensare a come sia nata…

View original post 1.792 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...