Carteggi privati – inedito di Cinzia Accetta

Carteggi Letterari - critica e dintorni

Spot

Sulla doppia corsia interrotta dalla mia frana,
Si procede a senso unico
A tratti alternato da un sospiro,
Precipitati in corsa.
C’è un divieto di schiamazzo,
Proviamo a passare inosservati
Nel trafficato andare e divenire accanto,
Mentre parte il tuo monologo,
Teso a dimostrare al mondo
Quanti vali.
Ma perché lo dici a me?
Frena, lascia passare e pensa.
Io non sono il mondo
Sono solo un microcosmo di passaggio
Che gira intorno a te.
Il tuo buco nero inghiotte
La mia luce, occhio di bue sullo spettacolo
Delle tue mani sulla tazza calda di te
Quando ti nutri delle ciglia umide
Dei bottoni persi, delle briciole sul tavolo.
“Che bella la tua voce sulla pioggia”
A che serve l’azzurro
Se basta chiudersi gli occhi
E pensare di essere terra, asfalto e prato.
Buona la prima.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...